Ti trovi su:
Vieni a conoscere i Quattro Mori

Vieni a conoscere i Quattro Mori

Il simbolo di Livorno vi aspetta!

Oltre le catene: La vera storia dei Mori

Proprio davanti alla Darsena Vecchia del porto mediceo, al centro della vivace piazza Micheli, vi troverete faccia a faccia col monumento dei Quattro Mori: il simbolo più iconico della città di Livorno, eretto nel 1587 in onore delle vittorie di Ferdinando I de’ Medici e dei Cavalieri di Santo Stefano sui corsari barbareschi.

Sebbene sia chiaramente un monumento celebrativo, si tratta di un raro esempio in cui il vincitore, benché posto in alto, è in realtà messo in ombra dalla maestosa sofferenza di coloro che ha sconfitto. Rispetto alla statua di Ferdinando, scolpita in marmo di carrara da Giovanni Bandini, sono infatti i quattro mori in catene, opera del grande scultore Pietro Tacca, a catturare l’attenzione di chi guarda. E non sorprende che l’anima controcorrente dei livornesi si identifichi più con i Mori che con il Granduca.

Chi erano davvero questi Mori?

Si dice che il Tacca, nel cercare modelli realistici, si avventurò nel Bagno dei Forzati, una prigione un tempo vicina alla Fortezza Vecchia che ospitava i pirati catturati in battaglia. Lì, tra le ombre del carcere, trovò a chi ispirarsi, ma solo due di loro, Morgiano, un giovane schiavo moro, e Alì, un pirata dall’anima indomita, sono stati veramente identificati. Le loro espressioni, così intensamente scolpite, sembrano ancora oggi vibrare di emozioni tangibili.

Nel corso degli anni il monumento ha subito vari vicissitudini. Ritenuto dai Francesi un insulto all’umanità, durante l’occupazione napoleonica fu quasi trasformato in una statua della libertà che soggioga i quattro vizi e comunque depredato di alcuni ornamenti barbareschi in bronzo oggi esposti al museo del Louvre di Parigi. Quando il fragore della Seconda Guerra Mondiale lo minacciò, per proteggerlo dai bombardamenti i livornesi lo trasferirono in luoghi sicuri per essere poi ricollocato, infine, nella sua sede attuale.

Alla scoperta dei dettagli nascosti

Ah… mentre vi lasciate incantare dai dettagli di questa maestosa opera, potreste notare qualcuno che si aggira circospetto intorno a voi. Non allarmatevi, è solo un altro visitatore alla ricerca della conferma di un curioso aneddoto livornese: il punto esatto da cui sono contemporaneamente visibili tutti e quattro i nasi dei Mori. Un piccolo gioco che rende la visita a questo monumento ancora più affascinante.

Vieni a conoscere i Quattro Mori

Informazioni utili

  • Per chi:

    Bambini e famiglie, Comitive, Con gli amici, Da solo, In coppia

  • Quando:

    Autunno, Estate, Inverno, Primavera

  • Per cosa:

    Vedere imparare e scoprire

  • Altre caratteristiche:

    All'aperto, Gratuito, Pet friendly, Raggiungibile con mezzi pubblici, Senza prenotazione

La Toscana che non ti aspetti

Scopri tutte le particolarità che rendono Livorno così unica e sorprendente.

Scopri di più

Iscriviti alla newsletter
per rimanere sempre aggiornato

Non perderti nessuna novità sugli eventi a Livorno e dintorni.